pon

Cari ragazzi, cari genitori

Fra poche ore, dopo più di sei mesi, il suono della campanella sarà il segnale che abbiamo tanto aspettato.

Sarà una grande emozione, per la quale tutti noi abbiamo lavorato senza sosta in questi mesi, senza avere la certezza di riuscire, ma senza mai smettere di crederci.

So bene che le regole che chiediamo di rispettare per garantire la sicurezza richiedono molti sacrifici. Li chiediamo non senza sofferenza, ma con l'orgoglio di non aver dovuto chiedere a tutti noi il sacrificio più grande: quello di non tornare a scuola tutti insieme.

Domattina ci troveremo davanti ai cancelli delle nostre scuole e ordinatamente, rispettando le distanze, entreremo in classe e cominceranno le lezioni, quelle vere, fatte di relazioni, interazione, domande e risposte, ma anche sguardi, e sorrisi...

A tutti noi un grande, grandissimo abbraccio e un augurio di buon lavoro. Ne abbiamo davvero bisogno!

Maria Grazia Vitale